Bernardo. Dalla favola alla tragedia

Abbiamo conservato per te il libro Bernardo. Dalla favola alla tragedia dell'autore Carla Bertelli,Francesca Bertolini in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web voluntariadobaleares2014.es in qualsiasi formato a te conveniente!

Voluntariadobaleares2014.es Bernardo. Dalla favola alla tragedia Image
DESCRIZIONE
«Così il piccolo borgo di Chianni, nella campagna toscana più pura ed ancora incontaminata, ha accolto e ri-accolto Bernardo, giovane Ganimede che forse, sempre citando Pavese che adorava, non voleva invecchiare nei compromessi di vita né avrebbe voluto conoscere il mondo. Un mondo ottuso, duro, egoista, cui la madre Carla dà piena testimonianza in questa memoria che sa di vita vera, di dramma pieno, di amore infinito. [...] Per Bernardo non esisteva vita senza libertà, né libertà senza vita: la mamma straziata ne ha raccolto pensieri, parole, impressioni intime, un lessico familiare prezioso, privato, che concede ai lettori per accendere anche solo un lume di candela su un'esistenza sofferta, per urlare ad un mondo spesso vano di superficie e di superficiali le verità celate dietro a giudizi frettolosi e sommari, un atto di coraggio, di nobiltà, un atto di Amore, sopra tutto.» (dall'introduzione di Giancarlo Mazzuca)

Strage di Capaci - Wikipedia

Come sempre accade con le favole, il debole si mescola ai forti, l'ingenuo agli astuti, il buono ai cattivi. Qui però la verità non ha le tinte della tragedia o i toni della farsa perché Moravia, attento conoscitore degli uomini, non rinuncia mai alla speranza, così che il lettore possa imparare divertendosi.
INFORMAZIONE

AUTORE: Carla Bertelli,Francesca Bertolini

DATA: 2016

ISBN: 9788898420070

DIMENSIONE: 8,94 MB

SCARICARE LEGGI

Com'è diventato cieco Andrea Bocelli

Piramo e Tisbe (Πύραμος, Pyrămos; Θίσβη, Thisbe) sono due personaggi, le cui gesta, già narrate da ignota fonte ellenistica, furono rese celebri da Ovidio nelle Metamorfosi (IV liber, vv 55-166), il quale le ambientò nella città di Babilonia, sebbene più anticamente si collocasse il mito nella Cilicia o a Cipro