Saggio storico sulla rivoluzione di Napoli

Leggi il libro Saggio storico sulla rivoluzione di Napoli PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su voluntariadobaleares2014.es e trova altri libri di Vincenzo Cuoco!

Voluntariadobaleares2014.es Saggio storico sulla rivoluzione di Napoli Image
DESCRIZIONE
Il saggio storico sulla rivoluzione di Napoli di Vincenzo Cuoco rappresenta un elemento per cogliere la nervatura profonda dell'identità politica italiana. Le riflessioni dell'autore sulla rivoluzione e sul rapporto tra élites e popolo hanno infatti profondamente segnato il movimento risorgimentale e sono poi state, lungo tutto il XX secolo, di riferimento nel dibattito intellettuale circa la irregolare modernità della penisola. Le grandi fortune dell'opera nella cultura politica italiana hanno però finito per celare gli intenti di Cuoco, che si proponeva con la prima edizione del 1801, come con l'altra molto riveduta del 1806, di informare il dibattito politico nell'Italia di Bonaparte. Questa edizione, che tiene fermo sulla prima redazione per collocare a pie' di pagina le varianti apportate nella seconda edizione, vorrebbe restituire l'opera al proprio tempo, collocandola all'interno di quella cultura politica rivoluzionaria, uscita dalla tenaglia del Terrore, che in Francia - come presto in Italia - avrebbe tentato di legittimare il nuovo ordine di libertà per la via della conquista di un largo consenso sociale.

I migliori libri sulla Rivoluzione francese

VINCENZO CUOCO. SAGGIO STORICO. SULLA. RIVOLUZIONE DI NAPOLI. SECONDA EDIZIONE. CON AGGIUNTE DELL'AUTORE. 1806 . Caedo cur vestram rempublicam tantam perdidistis tam cito?
INFORMAZIONE

AUTORE: Vincenzo Cuoco

DATA: 2014

ISBN: 9788858111307

DIMENSIONE: 1,58 MB

SCARICARE LEGGI ONLINE

Amazon.it: Saggio storico sulla rivoluzione di Napoli ...

Quando si abolí la gabella sulla farina, non si ottenne l'intento di far ribassare il prezzo de' grani in Napoli, dove, per le insorgenze che aveano giá chiuse tutte le strade delle province, non potevano ivi piú entrar grani nuovi, e quei che esistevano erano pochi ed avean giá pagato il dazio.