Vinifera. L'Italia dei vitigni. Origini, caratteristiche geo-pedologiche e colturali, tecnologie e profili sensoriali dei principali vitigni autoctoni italiani. Ediz. illustrata

Leggi il libro Vinifera. L'Italia dei vitigni. Origini, caratteristiche geo-pedologiche e colturali, tecnologie e profili sensoriali dei principali vitigni autoctoni italiani. Ediz. illustrata PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su voluntariadobaleares2014.es e trova altri libri di Richiesta inoltrata al Negozio!

Voluntariadobaleares2014.es Vinifera. L'Italia dei vitigni. Origini, caratteristiche geo-pedologiche e colturali, tecnologie e profili sensoriali dei principali vitigni autoctoni italiani. Ediz. illustrata Image
DESCRIZIONE
Il libro è frutto dell'opera di tutti i componenti del Consiglio di amministrazione di Assoenologi, nonché di numerosi altri enologi, ricercatori, professori universitari, esperti e storici della vite e del vino, che hanno lavorato per definire nel modo più completo alcuni tra i più rappresentativi e storici vitigni d'Italia. Per ogni vitigno vengono riportate ampie e dettagliate descrizioni riferite alla sua storia, alle caratteristiche geo-pedologiche dei suoli, agli aspetti climatici del territorio, alle caratteristiche varietali, nonché alle tecniche colturali ed enologiche. Un'opera unica nel suo genere, rivolta a tecnici e studiosi, ma anche a tutti coloro che amano l'Italia del vino e le sue terre.

I Vitigni d'Italia - Quattrocalici

Un elenco descrittivo sui vitigni autoctoni italiani Il termine autoctono riservato ad un'uva significa che quel vitigno è nato e si è sviluppato in un preciso luogo geografico adattandosi al territorio che lo ha ospitato fin quasi a fondersi con esso. Così come accade per i nobili casati, che vantano
INFORMAZIONE

AUTORE: Richiesta inoltrata al Negozio

DATA: 2017

ISBN: 9788894468403

DIMENSIONE: 8,33 MB

SCARICARE LEGGI ONLINE

Vitigni Autoctoni Piemontesi - Vini e Percorsi Piemontesi

L'acino presenta una buccia pruinosa delicata di colore violetto. Oggi conserva un forte legame con il territorio del brindisino dove è uno dei vitigni principali della Dop Ostuni (sebbene poco diffusa) oltre a rientrare nei disciplinari di numerose Dop salentine nelle quali si presta bene ai blend con Negroamaro e Primitivo.