Ragion pratica (2013). Vol. 41

Leggi il libro Ragion pratica (2013). Vol. 41 PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su voluntariadobaleares2014.es e trova altri libri di Richiesta inoltrata al Negozio!

Voluntariadobaleares2014.es Ragion pratica (2013). Vol. 41 Image
DESCRIZIONE
Dopo essersi imposta, nel decennio scorso, come una delle riviste italiane più aggiornate e autorevoli di filosofia del diritto, della morale e della politica, "Ragion pratica" continua a perseguire il suo ambizioso progetto multidisciplinare: analizzare in termini rigorosi, ma leggibili anche per non specialisti, i problemi più discussi situati all'incrocio fra diritto, morale e politica. "Ragion pratica" risponde a una diffusa e profonda richiesta di normatività: crisi del diritto, vecchi e nuovi dilemmi della morale, richieste di nuove regole del gioco per la politica e l'economia rendono attuale e urgente la discussione sui valori. "Ragion pratica" vuole essere, per usare note formule di Ronald Dworkin e di John Rawls, uno di quei "fori pubblici di principio" che producono la "ragione pubblica" di un paese e di un'epoca. È curata da un gruppo di filosofi del diritto italiani e stranieri, ma è aperta al contributo di filosofi della morale e della politica, storici, sociologi, economisti, giuristi positivi, e di chiunque sia interessato ai grandi temi della discussione etica (morale, politica, giuridica). Articolata in una parte monografica e in rubriche di studi, note e "casi\

Ragion pratica. 2013, Nº. 41 - Dialnet

La Critica della ragion pratica : struttura e contenuti basilari Federica Basaglia (Università di Ferrara) Corso di "Approfondimenti di Filosofia Morale" 3 (Triebfeder ) della ragion pura pratica in contrapposizione con altri moventi, che si riferiscono sempre solo alla ragion pratica in generale .
INFORMAZIONE

AUTORE: Richiesta inoltrata al Negozio

DATA: 2013

ISBN: 9788815243591

DIMENSIONE: 1,77 MB

SCARICARE LEGGI ONLINE

Ragion pratica (2013). Vol. 40 - Libro - Il Mulino - | IBS

ragion pratica risulta rivoluzionaria nella considerazione della volontà dell'azione, in quanto scorpora l'azione morale dalla necessità e la accorpa, invece, all'autonomia del singolo soggetto in cui la ragione si autodetermina. Ne deriva che se l'uomo obbedisce a una legge morale intrinseca alla sua natura, obbedisce a se stesso.