Il diario di pietra. N.O.F. 4. I fantasmi sono fulmidabbili dopo la sua seconda apparizione prende sembianze umane

Abbiamo conservato per te il libro Il diario di pietra. N.O.F. 4. I fantasmi sono fulmidabbili dopo la sua seconda apparizione prende sembianze umane dell'autore Alessandra Cotoloni in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web voluntariadobaleares2014.es in qualsiasi formato a te conveniente!

Voluntariadobaleares2014.es Il diario di pietra. N.O.F. 4. I fantasmi sono fulmidabbili dopo la sua seconda apparizione prende sembianze umane Image
DESCRIZIONE
Candidato al Premio Strega 2019L'incredibile storia, in parte romanzata, di Fernando Nannetti, nato a Roma nel 1927. Un'intera vita in manicomio, prima a Roma e poi a Volterra dove, con l'ardiglione del gilet dato in dotazione ai degenti, comincerà a scrivere, sul muro esterno del padiglione Ferri, il suo Diario di pietra. Una testimonianza toccante del desiderio di libertà fosse anche solo attraverso i segni, le parole, i disegni e le frasi che imprimerà, con energia, su 180 ml di muro. Il grido di centinaia e centinaia di persone che venivano violate nella loro essenza umana, private completamente della propria dignità di uomini e donne. Una denuncia importante arricchita da espressioni che sono spesso vere e proprie poesie che ci riportano la profondità di un uomo che si è visto da sempre privare dell'elemento più importante per ogni individuo: la libertà di essere e di esistere.

"Una legge per i matti: quarant'anni dopo Basaglia ...

I fantasmi sono fulmidabbili: Presentazione del volume Il diario di pietra. N.O.F 4. I fantasmi sono fulmidabbili dopo la sua seconda apparizione prende sembianze umane di Alessandra Cotoloni ...
INFORMAZIONE

AUTORE: Alessandra Cotoloni

DATA: 2018

ISBN: 9788832940510

DIMENSIONE: 9,28 MB

SCARICARE LEGGI ONLINE

I Colloqui di Salerno dedicati a Franco Basaglia, incontri ...

Il Diario di Pietra. N.O.F.4. I fantasmi sono Fulmidabbili dopo la sua seconda apparizione prende sembianze umane : questo il titolo del romanzo della scrittrice senese, architetto di professione, che ha avvertito questa spinta dopo essere stata accompagnata da sua figlia a visitare i vecchi padiglioni del manicomio di Volterra.