Il cinema dello sguardo. Dai Lumière a Matrix

Abbiamo conservato per te il libro Il cinema dello sguardo. Dai Lumière a Matrix dell'autore Richiesta inoltrata al Negozio in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web voluntariadobaleares2014.es in qualsiasi formato a te conveniente!

Voluntariadobaleares2014.es Il cinema dello sguardo. Dai Lumière a Matrix Image
DESCRIZIONE
Attraverso quarantacinque film esemplari, riletti secondo una pluralità di prospettive e metodi d’indagine, il volume compone un affresco inedito del cinema come arte dello sguardo, dalle vedute dei fratelli Lumière sino alla rivoluzione digitale di Matrix. Con un testo di Sandro Bernardi e il contributo di Lucilla Albano, Silvio Alovisio, Fabio Andreazza, David Bruni, Lucia Cardone, Giulia Carluccio, Alessia Cervini, Adriano D’Aloia, Elena Dagrada, Roberto De Gaetano, Francesco Di Chiara, Ruggero Eugeni, Michele Guerra, Cristina Jandelli, Suzanne Liandrat-Guigues, Sandra Lischi, Giacomo Manzoli, Carmelo Marabello, Luca Mazzei, Elena Mosconi, Jean Mottet, José Moure, Luigi Nepi, Paolo Noto, Peppino Ortoleva, Stefania Parigi, Guglielmo Pescatore, Federico Pierotti, Francesco Pitassio, Veronica Pravadelli, Leonardo Quaresima, Philippe Ragel, Jacqueline Reich, Thierry Roche, Augusto Sainati, Simonetta Salvestroni, Pierre Sorlin, Noa Steimatsky, Tomaso Subini, Giorgio Tinazzi, Chiara Tognolotti, Paola Valentini, Luca Venzi, Federico Vitella, Vito Zagarrio.

www-4.unipv.it

Come tutte le arti che non a caso vengono definite "visive", il cinema e' essenzialmente fondato sull'attivita' dello sguardo, essendo prevalentemente un linguaggio che comunica attraverso le immagini. Ma lo sguardo non e' mai ricezione passiva delle immagini. E meno che mai puo' esserlo nel cinema.
INFORMAZIONE

AUTORE: Richiesta inoltrata al Negozio

DATA: 2019

ISBN: 9788829703074

DIMENSIONE: 5,33 MB

SCARICARE LEGGI ONLINE

Il cinema dello sguardo. Dai Lumière a Matrix - - Libro ...

Con il cinematografo dei Fratelli Lumière del 1895 si può iniziare a parlare di Cinema vero e proprio, composto da uno spettacolo di proiezione di fotografie (il primo proiettato il 28 dicembre 1895 in un seminterrato di un locale parigino) scattate in rapida successione, in maniera da dare l'illusione di movimento,